La mia gravidanza: secondo trimestre

secondo trimestre di gravidanza
Tempo di lettura: 2 minuti

Durante il secondo trimestre di gravidanza fortunatamente non ho più avuto nessun tipo di problema di nausea e vomito. Mi sentivo in forma e la pancia mi permetteva di fare tutto perché non era ancora esagerata.

In quel periodo sono venuti a trovarci dei cari amici dall’Argentina e per qualche giorno siamo stati in giro insieme a loro, in Val di Sole, a Bellagio, a Milano e poi, dalle nostre parti, in Valvertova (dove abbiamo scattato la foto dell’articolo) e a Bergamo alta.

Ho anche iniziato a fare i primi acquisti e ho approfittato della coda dei saldi invernali per comprare tante cose carine spendendo davvero una sciocchezza.

Ecografia Morfologica

Il 1 aprile 2019 ho fatto la morfologica, che è un’ecografia che permette di accertare il corretto sviluppo del bimbo. Fa parte delle 3 ecografie gratuite passate dal SSN ma sono comunque andata nello studio dove avevo fatto la translucenza nucale perché mi ero trovata molto bene.

Come per le altre ecografie è stata un’emozione fortissima e siamo rimasti col fiato un po’ sospeso fino alla conferma che stesse proseguendo tutto bene. Terminata la visita la dottoressa ci ha confermato che durante l’ecografia della translucenza aveva azzeccato: aspettavo una bimba!

I primi movimenti

Non ricordo di preciso il giorno in cui ho sentito i primi movimenti ma so che era un giovedì sera ed io ero sotto alle coperte a guardare la tv. Improvvisamente ho sentito delle bolle nella pancia per qualche secondo e poco dopo ancora. Da quel giorno ho iniziato a sentire i suoi movimenti sempre più spesso e con più intensità.

Curva da carico di glucosio

Avendo casi di diabete in famiglia, ho eseguito anche questo esame, tanto temuto dalle donne incinte: la curva da carico di glucosio. Mi hanno fatto un primo prelievo di sangue per accertare che i valori fossero nei parametri corretti, poi ho bevuto due bicchieri di glucosio (che sembrava orzata) e poi mi hanno fatto altri due prelievi, ciascuno a distanza di 1 ora. In totale l’esame dura circa 3 ore, nelle quali non ci si può allontanare dal laboratorio di analisi e non si possono assumere cibi e bevande. La mia paura era di sentirmi male e invece ho solo rischiato di annoiarmi a morte.

Corso in piscina

A maggio ho iniziato il corso in piscina per gestanti e ho proseguito fino ad inizio agosto, quando la piscina ha chiuso per ferie. Andavo due volte alla settimana e quando uscivo ero devastata ma mi sentivo piena di energia. La lezione era suddivisa in: 10 minuti di esercizi di respirazione fuori dall’acqua, 40 minuti di esercizi a diversa intensità in piscina (utilizzando solo gambe e braccia ovviamente) e 10 minuti di rilassamento con le mani appoggiate sul pancione nella piscina con l’acqua tiepida. Al corso ho imparato l’unica cosa che si è rivelata davvero fondamentale durante il mio travaglio: la respirazione.

In conclusione

A differenza del primo trimestre, dove non avevo ancora ben realizzato e ho sofferto di stomaco, ho vissuto il secondo trimestre di gravidanza con molta serenità e, per la prima volta nella mia vita, con un ottimo rapporto con la mia pancia, sempre più sporgente.

Tu come hai vissuto, o stai vivendo, il tuo secondo trimestre di gravidanza?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *